Come Difendersi dal Mobbing in 7 Mosse

Share

Imparare come difendersi dal mobbing non è cosa facile ma non è nemmeno impossibile.
La regola fondamentale è avere pazienza, tanta pazienza.
Difendersi dal mobbing in azienda è una cosa che va pianificata e studiata nel dettaglio.

Ci sono alcuni passi da seguire che ci permettono di preparare la nostra azione difensiva contro il mobbing.

    1. IL Diario del Mobbing: Prendi un quaderno o un block note da portare sempre con te

      Inizia ad appuntarti con precisione tutte le azioni di mobbingCome difendersid al mobbing tenendo un diario che vengono perpetrate nei tuoi confronti.
      Descrivi dettagliatamente quello che succede, il nome del mobber, il nome dei testimoni presenti, la descrizione dettagliata di quello che è successo, la data e l’ora di quando è avvenuta l’azione di mobbing.
      Potrà sembrarti una cosa noiosa ma è assicurato che questo diario ti servirà in futuro, quando e se dovrai dimostrare i fatti all’azienda o ad un avvocato.

    2. Descrivi tutte conseguenze psico-fisiche che il mobbing causa al tuo corpo

      Di mobbing è possibile anche ammalarsi di: ansia, depressione, attacchi di panico, mal di testa problemi gastro intestinali, diminuzione del desiderio sessuale, insonnia perdita di autostima, mancanza di fiducia.
      Descrivi dettagliatamente tutti i sintomi fisici e psicologici che senti, questo faciliterà la fase di documentazione per difendersi dal mobbing. Inoltre sarà più facile spiegare al medico di cura le cause di quello che sta accadendo alla tua salute.

    3. Circondati di persone fidate e parla

      Parla con i tuoi amici e i parenti, anche con colleghi di cui ti fidi. Condividere e parlare è fondamentale sia per sfogarsi che per tenere al corrente della situazione di mobbing che stai subendo la tua cerchia di fiducia.
      Non dare nulla per scontato ma non annoiare i tuoi parenti o amici, potrebbero stancarsi di sentirti parlare sempre delle stesse cose, quindi discutine e parlane ma senza essere troppo insistente.

    4. Rivolgiti agli enti competenti per difenderti dal mobbing

      Ci sono molte organizzazioni e consulenti che ti possono seguire nella tua difesa contro il mobbing.
      Puoi rivolgerti ad un avvocato (che non abbia relazioni con la tua azienda), ad un sindacato (esterno alla tua azienda), ad uno psicologo (specializzato in casi di mobbing) o ad associazioni contro il mobbing. Queste persone sapranno come indirizzarti al meglio su come difenderti dal mobbing e come agire di conseguenza.
      Grazie agli appunti che hai preso nel tuo diario del mobbing puoi spiegare tutto nel dettaglio.

    5. Non pensare subito alle dimissioni

      Se non hai un piano in mente per trovare un nuovo lavoro potresti ritrovarti senza uno stipendio.
      Parla con il tuo medico di base, se gli spieghi la situazione, i sintomi e che le cause del tuo malessere sono le azioni di mobbing sarà lui stesso a proporti un giusto periodo di riposo in malattia (o utilizzando ferie e riposi arretrati).
      Approfitta di questo periodo per rilassarti e documentarti con calma sulle azioni da intraprendere per migliorare la tua situazione.

    6. Non abbandonarti allo stress e alla depressione, fai sport.

      Sei solo la vittima di una situazione sgradevole (spesso, anche se non lo sai, non sei l’unico) quindi é importantissimo non arrendersi, grazie allo sport (ad esempio praticando arti marziali) puoi riposare e dormire meglio, inoltre avrai più energie mentali per iniziare a difenderti dal mobbing.

    7. Studia e mantieni la mente impegnata

      Iscriviti ad un corso di qualcosa che ti piace fare, studia una lingua e mantieni la mente sempre impegnata (ecco cosa potresti fare per combattere lo stress dovuto al mobbing).
      Puoi addirittura studiare per imparare a fare un nuovo lavoro così, se la situazione in azienda non migliora e sei veramente costretto a dare le dimissioni, hai già un modo per preparati ad un nuova vita lavorativa.

Non disperare, difendersi dal mobbing non è cosa da nulla ma è possibile riuscire a migliorare la propria situazione.
Seguendo queste semplici regole sarai solamente all’inizio di una dura battaglia, starai preparando il campo e affilando le armi prima di passare all’azione vera e prorpia.
Ma se ti sei preparato per bene sai già che potrai vincere nel migliore dei modi devi solo avere tanta pazienza

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Giusy ha detto:

    Buongiorno, mia figlia ha subito un mobbing purtroppo non ha voluto procedere in modo legalé ha perso il lavoro e tra l’altro grosse conseguenze di salute . Io come mamma ancora oggi non ho accettato tutto ciò è troVò giusto che l’azienda venga a conoscenza del fatto è la persona venga in qualche modo punita. Grazie per lo sfogo e attendo qualche consiglio

    • Gentile Giusy,
      Purtroppo la parte più difficile del mobbing è ammettere di subirlo.
      Capisco sua figlia e capisco anche la sua frustrazione di madre.
      Se volesse raccontare la sua storia di mobbing può farlo da qui “racconta la tua storia”, mettere al corrrente la comunità è un buon modo per sfogarsi e per non sentirsi soli in questa dura battaglia.
      Per quanto riguarda i provvedimenti contro i mobber la cosa migliore è quella di rivolgersi ad un avvocato o ad uno psicologo specializzati, loro sapranno come procurarsi le prove per poter procedere per vie legali nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *